Torta vintage – e ricomincio da qui

torta di panna

Pensavate mi fossi tolta di torno e invece rieccomi 😀
La scuola dei miei figli è iniziata da tre giorni, la routine è ripresa in pieno, e io mi sono persa tra le cose da fare e organizzare, il blog, come sapete è uno spazio che mi concedo, è il luogo del mio tempo ritrovato..ecco, il punto è tutto qui, dovete darmi il tempo di “ritrovarlo” 😀
Come state? Come va?
Noi sempre uguali, quel genio di mio figlio è sempre più “genio”, le piccole sempre più rumorose…
La novità, se così si può chiamare, è che adesso che Scalpo Reciso, l’adolescente, è al terzo anno, sarò quasi costretta a proporre al sindaco del mio paese di fargli intitolare una piazza, perché?

Udite udite, mio figlio sostiene che non posso assolutamente avere nulla da ridire su di lui, pensate che non l’hanno ancora mai bocciato, poi non fuma, non ruba e non si droga … che dite voi? Firmiamo una petizione?
“Piazza Scalpo Reciso – adolescente che non si droga e non si fa bocciare”, suona bene?
A quanto pare essere semplicemente un bravo ragazzo che fa i compiti e non fa cavolate è cosa rara… essere un bravo ragazzo che “non” fa i compiti e che non si fa bocciare dunque, merita davvero un omaggio fuori dal comune.

5.0 from 2 reviews
Torta vintage - e ricomincio da qui
 
tempo di preparazione
tempo di cottura
tempo totale
 
stampo da 26 cm di diametro alto 7 cm almeno
Scritto da:
Ricetta: fluffosa
Ingredienti
  • 290 g di farina autolievitante (se non l'avete usate 00 e una bustina di lievito)
  • 300 g di zucchero
  • 6 uova xl (a temperatura ambiente)
  • 195 ml acqua (io tiepida)
  • 120 ml di olio semi di girasole,
  • 1 cucchiaino colmo di cremor tartaro (circa 7-8 g)
  • 1 pizzico sale
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 1 bustina di vaniglia (io ho l'estratto e ne metto 1 cucchiaino)
  • forno preriscaldato 170°
Procedimento
  1. Per prima cosa grattugiate la scorza del limone in un mixer insieme allo zucchero. In una grande ciotola, o nel vostro robot da cucina mescolate la farina con lo zucchero "al limone" che avete appena prodotto, fate un buco al centro e unite senza amalgamare olio, tuorli, acqua e sale, e lasciate stare tutto cosi'....nel frattempo montate a neve fermissima gli albumi con il cremor tartaro.
  2. Riprendete l'insieme degli altri ingredienti e montate con lo sbattitore, con il robot, o con le fruste elettriche fino ad avere un composto liscio e omogeneo, che vedrete gonfiarsi molto velocemente.
  3. A questo punto, unite in 2-3 volte gli albumi al composto, delicatamente, versate il tutto nello stampo NON IMBURRATO, se non avete quello originale, che si trova facilmente nei negozi di articoli per pasticceria, in alternativa, potrete usare come faccio io, una normalissima teglia in alluminio, di quelle dove il cibo si attacca , e adesso vi spiego il perché. Cuocete in forno a 170° per 10 minuti, poi abbassate a 160° per altri 50 minuti.
  4. Terminata la cottura prendete lo stampo e capovolgetelo, la torta resterà attaccata e in questa posizione dovrà raffreddarsi, a questo scopo faccio in modo di appoggiare i bordi della teglia su due tazze, posizionate una di fronte all'altra. (vedete la foto qui sotto) La torta resta sospesa al contrario, in questa posizione, come accade per il panettone , acquista una sofficità unica!

Una volta fredda con una spatola di quelle che usate per livellare la panna, staccatela dalle pareti e capovolgetela sul vassoio.
Tagliate la base in due o in tre parti a seconda di quanti strati di farcitura volete, siccome la chiffon è particolarmente morbida, prima di tagliarla la metto in freezer un pochino, questo trucchetto mi consente di ottenere un taglio netto e preciso.
CREMA alla vaniglia con fragole fresche
  • 1/2 litro di latte intero
  • 4 tuorli
  • 80 gr. di amido
  • 100 gr. di zucchero
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • una noce di burro
  • 100 ml di panna montata
  • una vaschetta di fragole fresche lavate e  tagliate a dadini
Amalgamate l’amido e lo zucchero con pochissimo latte aggiunto a filo, fino a che la polvere sarà completamente sciolta e al tempo stesso non avrete grumi. Aggiungete tutto il latte e i tuorli sbattuti, portate ad ebollizione e continuate a mescolare con una frusta per evitare di far aderire il latte al fondo della pentola. Non appena si sarà addensata togliete dal fuoco e aggiungete la vaniglia e il burro. Mescolate e lasciate raffreddare la crema trasferendola in una ciotola che ricoprirete con pellicola trasparente, facendo in modo che la pellicola aderisca allo strato superficiale della crema, in questo modo eviterete che si formi quell’antiestetica e poco funzionale patina sulla crema. Una volta che la vostra crema sarà raffreddata unite la panna montata, delicatamente, in questo modo la crema sarà soffice e delicata al palato.
Per decorare
1/2 litro di panna montata 
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di vaniglia
bagna per dolci (a vostra scelta)
Composizione della torta:
Bagnate con uno sciroppo alla vaniglia, con l’aiuto di un pennello in silicone gli strati della torta che avete precedentemente tagliato, distribuite la crema e le fragole su ogni strato, richiudete. Lasciate una notte in frigo.
L’indomani, utilizzando una spatola liscia, spalmate tutta la superficie della torta con panna montata, poi se volete potete decorarla servendovi di una sacca da pasticcere.
Nel mio caso, ho colorato la panna con un colorante per alimenti color pesca, e ho decorato con un piccolo bouquet di fiori realizzati a mano in pasta di zucchero.
Per oggi è tutto, alla prossima ricetta
Baci

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    sandra
    24 Marzo 2017 at 17:49

    ciao! un suggerimento:
    posso appoggiare decorazioni fatte a mano in pasta di zucchero colorata su una torta rasata di panna montata ) anch’essa magari colorata?

    Oppure la pasta di zucchero lascerà il suo colore sulla panna?

    grazie

    • Reply
      Alessandra
      24 Marzo 2017 at 19:09

      Puoi poggiarle solo se sono completamente asciutte, e sempre all’ultimo momento, tieni presente che comunque la panna ammorbidirà le decorazioni, per questo è sempre indicato aspettare fino al momento di servire.
      Grazie per essere passata
      ?

  • Reply
    Anonimo
    23 Settembre 2013 at 4:15

    I've been surfing online greater than three hours lately, yet I never
    found any interesting article like yours. It's lovely price enough for me.
    In my opinion, if all website owners and bloggers made just right content
    as you probably did, the internet will probably be a lot more helpful than ever before.

    Also visit my homepage – un46f8000

  • Reply
    Loredana
    22 Settembre 2013 at 6:58

    Chissà perchè mi sembra di sentire i discorsi della mia figliola, anche lei al terzo, anche lei mai bocciata, che non fuma , non beve e pensa di volere una medaglia! 🙂

    Io però una torta così bella non sapre fargliela, mi sa che sei più brava tu!! 🙂

  • Reply
    sississima
    21 Settembre 2013 at 11:15

    mi sembra che ricominci proprio bene!! Un abbraccio SILVIA

  • Reply
    veronica
    18 Settembre 2013 at 21:06

    ahahhah non posso dire che e' unico perche ho mio figlio uguale…..
    la torta è favolosa e la chiffon è troppo buona

  • Reply
    Renza
    18 Settembre 2013 at 19:02

    Simpaticissimo tuo figlio oltre che bravo ragazzo! Se la merita una bella torta così!! Ciao!

  • Reply
    Cuoca Pasticciona
    18 Settembre 2013 at 9:30

    Ahahaha tesoro quanto mi hai fatto ridere con quel discorso su tuo figlio, mi sono figuarata tutta la scena. Però dai un premietto glielo possiamo dare no? Magari non proprio una piazza ahahah
    Complimenti per la torta, meravigliosa!!Adoro lo stile vintage!

  • Leave a Reply

    vota questa ricetta:  

    Send this to a friend