Pasta picchi pacchiu per il Recipe-tionist di giugno


In molte parti della Sicilia questo piatto è chiamato “pasta a carrittera”, cioè la “pasta come la prepara il carrettiere”, il nome più appropriato però è proprio “picchi pacchiu”, i 3 ingredienti fondamentali che formano il condimento sono infatti pomodoro, aglio e basilico, gli stessi ingredienti che usiamo per preparare i più famosi “babbaluci (le lumache) a picchi pacchiu”, lo stesso intingolo che forma la base per tanti deliziosi soffritti, a cui poi aggiungiamo pesce, verdure etc. La differenza con la pasta alla carrittera consiste proprio nella presenza del pomodoro, se volete saperne di più vi invito a visitare questo blog, molto interessante e curato e a leggere la sua meravigliosa ricetta.
“Pacchiu” in dialetto è il nome dell’organo riproduttivo femminile, quindi la scelta di questo nome è probabilmente legata alla bontà del piatto, tanto buono come una donna…
Come prevedono le regole del recipe-tionist questo mese devo scegliere tra le ricette di Terry… la mia scelta è caduta su questo primo, che propongo spessissimo nelle giornate calde..

INGREDIENTI per 5 persone

  • 500gr di forcelle – (la ricetta originale prevede spaghetti)
  • 600gr di pomodoro  ciliegino o datterino  
  • basilico fresco
  • 2 spicchi d’aglio
  • ricotta salata 
  • olio evo
  • sale  
Lavate e asciugate tutto il pomodoro, non va spellato, tagliatelo in 4 parti, in 2 se il pomodoro è molto piccolo, privatelo dei semi e deponetelo in un grande piatto da portata o in una insalatiera capiente. Aggiungete gli spicchi d’aglio privati dell’anima centrale e tagliati a grossi pezzi, tagliando l’aglio in questo modo possiamo individuarlo facilmente nel piatto e qualora non amassimo mangiarlo crudo, riusciremmo a individuarlo facilmente e a metterlo da parte. Lavate il basilico e asciugatelo, io ne metto mezzo mazzetto, sminuzzato con le mani, cerco di prendere solo le foglie, evito i gambi… 
Disponete il basilico sul pomodoro e sull’aglio, aggiungete il sale, io vado ad occhio, più o meno cercate di distribuire omogeneamente il sale fine. A questo punto ricoprite con abbondante olio extravergine, anche qui vado ad occhio, ma ne uso almeno 200 ml…Lasciate insaporire tutti gli ingredienti, per almeno un’ora, potete benissimo preparare tutto a pranzo, lasciare in frigo e poi mangiare la pasta la sera…
In questo piatto è fondamentale la buona qualità degli ingredienti, migliore è la qualità ..migliore sarà il sapore del boccone che assaporerete 😀
Cuocete la vostra pasta in abbondante acqua salata, scolatela e versatela nel piatto, saltate insieme al condimento, grattugiate grossolanamente la ricotta salata (o del pecorino stagionato) e servite.
Vi lascio immaginare quanto è buona dopo una giornata di mare 🙂
Con questa ricetta partecipo al Recipe-tionist di Flavia relativo al mese di Giugno
e
partecipo molto volentieri al contest di Danita

A presto 🙂

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply
    Acquolina
    11 giugno 2012 at 11:10

    davvero buonissimo e fresco!!! ciao 🙂

  • Reply
    EliFla
    8 giugno 2012 at 16:08

    Ecco…ora sai cosa cucinare alle tue amichette quando verranno a trovarti 😀 , bacioni, Flavia

  • Reply
    Giulia
    8 giugno 2012 at 14:31

    Picchi Pacchiu eh? Che nome simpatico! Con questi ingredienti deliziosi dev'essere sicuramente una meraviglia, con il sapore dell'estate….

    • Reply
      ginestra
      8 giugno 2012 at 18:49

      esattamente…il sapore dell'estate nel piatto 🙂

  • Reply
    Patrizia
    8 giugno 2012 at 14:04

    Immagino perfettamente il sapore…deve essere eccezionale e saporitissima e come dici tu, ottima per una bella giornata d' estate!! Un bacione cara e buon fine settimana!

    • Reply
      ginestra
      8 giugno 2012 at 18:48

      buon fine settimana anche a te tesoro 🙂

    Leave a Reply

    Send this to a friend