Golosi anche senza glutine

Oggi è la giornata internazionale della celiachia, per questo io insieme a numerosi foodblogger abbiamo deciso di contribuire dandovi un piccolo vademecum su come comportarsi con un celiaco a cena… Partiamo dalla premessa che la celiachia è una malattia e non un capriccio o una moda, l’unica cura possibile, ad oggi, è proprio quella di evitare cibi che contengano glutine, un celiaco è COSTRETTO a mangiare senza glutine, è COSTRETTO a rinunciare ad una quantità notevole di cibi, o quantomeno rinuncia alla consistenza a cui noi siamo abituati, soprattutto nel caso dei lievitati… pensate al pane, alla difficoltà di trovare in commercio pasta fresca senza glutine.. ma…per fortuna esistono delle alternative, delle farine prodotte appositamente e…per fortuna esistono delle donne meravigliose, delle cuoche straordinarie che scoprendosi celiache hanno saputo sfruttare la loro passione per la cucina a favore di questa grave intolleranza, parlo della mia amica Cardamoma e della mia amica Simonetta, …nel tempo ho scoperto sempre più blog gluten free provate a dare uno sguardo alle meraviglie che propongono. Questa premessa, mi è sembrata doverosa, perchè essere informati correttamente è essenziale per evitare di far stare male i nostri ospiti, i compagnetti dei nostri figli nelle feste in classe… insomma la celiachia potrebbe essere più vicina a noi di quanto immaginiamo e sapere cos’è precisamente può solo aiutare noi e gli altri a vivere meglio e serenamente.

Qui troverete un elenco molto utile di alimenti consentiti e vietati http://saporiesaporifantasie.blogspot.it/p/celiachia-for-dummies.html

Anche se l’elenco può sembrare lungo c’è un modo abbastanza semplice per capire se un cibo è senza glutine. Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che sia scritto a chiare lettere e, nei prodotti esteri, è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.
REGOLE PER EVITARE CONTAMINAZIONI in casa
1. Lavare mani, superfici, utensili sporchi di farina, possibilmente in lavastoviglie e accuratamente;
2. Usare la carta forno per le teglie e tutti quegli utensili (come piastre) dove hanno cotto cibi col glutine;
3. Se volete cucinare la pasta per un celiaco, l’acqua deve essere pulita, il cucchiaio con il quale mescolate la pasta senza glutine a parte, il sale nuovo o comunque non quello contaminato dal cucchiaio “sporco” di acqua della pasta col glutine;
4. Evitare di infarinare i cibi, anche quelli degli altri, così eviterete grande fonti di stress; se proprio dovete non mettete nella stessa padella o teglia le due preparazioni;
5. se usate una griglia e avete della carne impanata, grigliate prima quella del celiaco (senza panatura) e poi tutto il resto;
6. non addensare salse, ecc. con farina. Usate la fecola per tutti e sarà più semplice!
7. non appoggiate il cibo su cibi col glutine o dove sia stato cibo col glutine. Ad esempio il pane del celiaco non mettetelo insieme a quello col glutine o nello stesso contenitore anche senza che l’altro sia presente;
8. anche per l’olio di frittura valgono le stesse regole, prima friggete il cibo senza glutine e poi tutto il resto; in ogni caso non utilizzate quello già usato in precedenza contaminato!
9. Se avete dei dubbi sulla composizione dei cibi… non usateli!
Oggi molti foodblogger dimostreranno che si possono preparare squisite pietanze, interi menù senza rinunciare al gusto ma soltanto al glutine.
Per questa occasione ho voluto proporvi una torta, buona buona, soffice e con un fresco ripieno.
La base della torta si chiama “VICTORIA SPONGE” la ricetta dovrebbe essere di Nigella Lowson, io l’ho riadattata sostituendo la farina, e ho apportato qualche piccola modifica per un risultato più soffice.

E’ una torta che è buona già così, con una spolverizzata di zucchero a velo …

Ricetta(Ginestra sponge)
  • 200 g di farina di riso (quella che ha la consistenza fine dell’amido)
  • 50 g di amido di mais
  • 230 g di zucchero
  • 125 ml di olio di semi di girasole
  • 125 ml di latte tiepido
  • 4 uova separate
  • 1 cucchiaio di lievito per dolci (io baking powder)
  • 1 cucchiaino di cremor tartaro
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • aroma arancia 1ml (buccia d’arancia grattugiata)
  • 2 teglie da 20 cm Ø alte 5 cm (io ne ho una alta 15 e ho usato quella)
Montate gli albumi a neve con il cremor tartaro e il bicarbonato e tenete da parte. Accendete il forno e portatelo a 180°. Mettete dentro il vostro mixer o frullatore (io bimby forever!) nell’ordine, le farine con lo zucchero e il lievito, aggiungete poi i tuorli, l’olio, il latte e l’aroma o la buccia grattugiata. Fate andare alla massima velocità. Amalgamate adesso il composto di tuorli con gli albumi. Versate nelle vostre teglie foderate di carta forno (se sono già state utilizzate) oppure in un’unica teglia alta se l’avete.
Cuocete per circa 45 minuti (o almeno nel mio forno ci è voluto tanto). Fate la prova stecchino se esce asciutto spegnete e aspettate 5 minuti. Tirate fuori dal forno e lasciate che la vostra torta si freddi.
A questo punto potete guarnire con zucchero a velo e ottenere questo risultato
Oppure non accontentarvi e rendere più felici i vostri commensali … in questo caso potreste provare a preparare una crema di fragole, niente di più buono delle fragole di Maggio 🙂
CREMA DI FRAGOLE
  • 300 g di fragole fresche lavate e asciugate
  • 120 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 80 g di maizena
  • 1 ml di estratto di vaniglia
  • 100 g di panna montata (facoltativa ma io dovevo consumarla e perciò l’ho messa)
  • 100 g di fragole per guarnire e farcire

Frullare le fragole con lo zucchero, la maizena e la vaniglia. Addensare la crema sul fuoco e quando la crema vi sembrerà densa spegnete e aggiungete 80 g di burro a tocchetti, mescolate energicamente fino a che il burro non sarà totalmente assorbito dalla crema. Versate la crema in una ciotola, coprite con pellicola trasparente. Quando la crema sarà completamente fredda frullatela con un mixer alla massima velocità, e soltanto a questo punto aggiungete la panna con molta delicatezza. Mescolate fino ad amalgamare completamente la panna con la crema di fragole.

Io ovviamente ho fatto tutto con il bimby. Ho frullato e cotto tutti gli ingredienti, tranne il burro e la panna, 12 minuti a vel.3 temp. 100°.
Una volta cotta ho aggiunto il burro, montato la crema alla massima velocità e poi lasciato che si freddasse. Una volta fredda ho dato un’altro giro di bimby alla massima velocità e poi aggiunto la panna, montato a vel. 4. La crema è vellutata, lucida e buona!!
A questo punto ho tagliato in due la torta, ho versato una parte della crema, ho sparso sulla crema una dadolata di fragole fresche, ho ricoperto con altra crema. Ho posto l’altra metà della torta sulla crema.
Ho guarnito e decorato con panna fresca e fragole. In frigo per 24 ore e poi mi direte…
Se ne avrete voglia potreste anche bagnarla con uno sciroppo a base di maraschino o alchermes prima di farcirla, la torta comunque è umida a sufficienza..

Di seguito le proposte di una parte della blogsfera ma siamo molti molti di più!!
Torta al cacao leggerissima http://saporiesaporifantasie.blogspot.com
Riso, bisi e prosciutto cotto http://tatanora.blogspot.it/
Parfait alle mandorle http://noidueincucina.blogspot.com
Semifreddo alla coppa del nonno, con cioccolato e granella di mandorlahttp://www.olioeacetoblog.com/
biscotti con lemon curd http://ipasticciditotta.blogspot.com
pollo in crosta di pinoli con salsa allo zafferanohttp://roberta-lavaligiasulletto.blogspot.com/
http://www.murzillosaporito.com/: Calici di yogurt variegati al gelso
capresi all’olio EVO http://secucinosorrido.blogspot.it/
risotto con riduzione al lambrusco e sfoglie di salame ttp://cucchiaioepentolone.blogspot.it/
gelato e biscotti ai fiori di sambuco http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
cupcakes alla ciliegia http://ingloriaskitchen.blogspot.com
pomodori verdi fritti www.cuocicucidici.blogspot.com
pancakes di zucchine e crumble di fragole http://aromadilimone.blogspot.com
Soffio di Amaretto http://lagaiaceliaca.blogspot.com/ Pancakes con farina di mais http://assaggidiviaggio.blogspot.it/
Scaloppine gorgonzola e speck http://fornelliprofumati.blogspot.it/
Torta kinder pinguì rivisitata http://saporiglutenfree.blogspot.com/
Risotto con indivia e patate. http://spuntiespuntinisenzaglutine.blogspot.it/
L’araba Felice:Muhallabia

I pasticci dello zio Piero: Quinoa con gorgonzola e Involtini di pesce spada con riso

Budino di fagioli con mazzancolle http://paneeacquadirose.blogspot.it

Un abbraccio e a presto!

You Might Also Like

20 Comments

  • Reply
    Anna Lisa
    29 Maggio 2012 at 9:28

    Stupenda, meravigliosa" E il bakind powder non è il lievito per dolci??? E io che l'ho sempre creduto tale…
    Non si finisce mai di imparare, grazie 🙂

    • Reply
      ginestra
      29 Maggio 2012 at 10:12

      Ciao Anna Lisa, il baking powder è la polvere lievitante, una mia amica mi ha incuriosita dicendomi che a lei le torte con il baking powder venivano più soffici e alte, ho provato anche io e mi sono trovata così bene che lo preferisco al "lievito per dolci" che troviamo di solito nei nostri banchi al supermercato. Lo trovi online, e alla lidl a quanto mi dicono… Io ne uso uno americano regalo di un'amica 🙂

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    27 Maggio 2012 at 20:17

    meravigliosa questa torta, seguo felix, mi tenta molto, e dato che domani è il mio compleanno, potrei osare…

    • Reply
      ginestra
      29 Maggio 2012 at 10:09

      Ciao Gaia, mi farai sapere come è andata?

  • Reply
    Felix
    27 Maggio 2012 at 18:54

    E' una torta meravigliosa! Mi tenta parecchio adesso che ci sono ancora le fragole!

    Grazie 🙂

    • Reply
      ginestra
      29 Maggio 2012 at 10:08

      grazie per essere passata 🙂

  • Reply
    Marilena
    27 Maggio 2012 at 17:50

    Torta splendida bella e buona Complimenti cara!

  • Reply
    Sonia
    27 Maggio 2012 at 16:40

    grazie per il contributo e l'impegno! peccoto non esserci stata, ma l'anno prossimo ci sarò 🙂 splendida torta, ma da che che altro aspettarsi?? buona domenica :-XX

    • Reply
      ginestra
      29 Maggio 2012 at 10:08

      Ciao tesoro!!! Grazie per essere passata 😀

  • Reply
    Giulietta
    27 Maggio 2012 at 14:22

    bella e golosa questa torta. Sai una cosa? Comincio a pensare che se non mi munisco di una teglia di dimensioni contenute, non rieuscirò mai ad assemblare una torta a strati. In casa mia la circonferenza minima di una teglia è 24 cm., poi si sale 🙂
    Questo fatto comporta la necessità di una manualità che…..non ho 🙁 ma devo cominciare ad esercitarmi.

    • Reply
      ginestra
      27 Maggio 2012 at 14:29

      prima d'avere la teglia "alta" usavo la pentola per la pasta, diametro 22 alta 15 totalmente in acciaio :)) le torte venivano una meraviglia..
      il problema a casa mia è il forno…

  • Reply
    Giulia Tomsie
    27 Maggio 2012 at 14:04

    perchè la mia è finita che mi prendevo un fetta di questa mareviglia! NUUUUUUUUU!

  • Reply
    TataNora
    27 Maggio 2012 at 13:52

    Inutile confessarti che, pur riconoscendo che anche *nuda* la torta sia invitante, io preferisco quella da peccato di gola! Crema di fragole che salvo subito per la prossima torta farcita che farò per i bimbi e… base che mi piace tantissimo! Altro punto a favore del fatto che non è vero che la celiachia faccia mangiare male e che tutti possiamo mangiare le stesse cose senza perdere in golosità e freschezza.
    Brava e buona giornata.
    Nora

    • Reply
      ginestra
      27 Maggio 2012 at 14:27

      Buona davvero!! Grazie Nora!

  • Reply
    terry982
    27 Maggio 2012 at 13:37

    Per un'iniziativa moolto importante ecco una torta davvero golosa! Bellissima presentazione.
    buona domenica
    terry

  • Reply
    cuoca gaia
    27 Maggio 2012 at 12:25

    Panna e fragole, cosa c'è di meglio? 🙂

  • Leave a Reply

    Send this to a friend